Jean de Boulogne
detto Giambologna Douai 1529 - Firenze 1608
 

Scultore di origine fiamminga, fu indubbiamente il più grande scultore del Cinquecento dopo Michelangelo e quello la cui influenza si fece maggiormente sentire fino ai primi del Seicento.

Dopo un tirocinio in patria nell'ambito manieristico, verso il 1550 si recò in Italia e a Roma studiò le sculture antiche e le opere di Michelangelo.
Si stabilì, in seguito, a Firenze, dove fu al servizio dei Medici e venne in contatto col Tribolo, l'Ammannati e il Cellini del quale emulò la cesellata finitezza nei suoi piccoli bronzi tra i quali il famosissimo, ma fin troppo virtuosistico, Mercurio del Bargello (1580).

 


Fontana di Nettuno particolare
Bologna, Piazza Maggiore, 1563-1566

Venere

Mercurio
Giambologna, Ercole e Centauro
 Ercole e il Centauro Firenze,
Piazza della Signoria,
Loggia dei Lanzi, 1594-1600

Intervenne nella decorazione scultorea di alcuni giardini di ville fiorentine (fontane di Venere, delle Scimmie e dell'Oceano nel giardino di Boboli); degno di nota è la statua di Venere anadiomene (1567; villa della Petraia) che si spreme le lunghe trecce al sommo della Fontana del Labirinto del Tribolo, già a Castello, poi trasferita nella villa della Petraia, di più floride e tondeggianti forme che si assimilano alla tornita purezza dell'angora sulla quale la dea poggia il piede.

 

 

A Bologna scolpì la fontana del Nettuno, notevole non solo per la grandiosa e slanciata figura del dio marino, ma altresì per le eleganti figure di genietti, delfini e sirene della base.

Di ispirazione manieristica sono opere come il Mercurio volante (1572; Firenze, Museo del Bargello), Ercole e il Centauro e soprattutto il gruppo del Ratto delle Sabine (1581; Firenze, Loggia dei Lanzi), dalla complessa struttura, sviluppata secondo l'elegante modulo della linea serpentinata, che potenzia gli effetti di spazio e di movimento.
 

Giambologna, Ratto Sabine
Ratto della Sabina Firenze, Loggia dei Lanzi, 1583

Appennino

Appennino particolare,
Firenze, Parco della villa di Pratolino, 1580

Cosimo I Firenze, Piazza della Signoria, 1594
Ferdinando I
Ferdinando I Firenze, Piazza della Santissima Annunziata, 1608

 

Pittoresca invenzione allegorica dell'Appennino nella villa medicea di Pratolino, dove il Giambologna riuscì a ottenere un mirabile accordo tra scenario naturale e forma plastica, anticipando certi aspetti del gusto barocco. Pregevoli sono, infine, seppure aulicamente composte, le due statue equestri dedicate a Cosimo I (1599; Firenze, piazza della Signoria) e a Ferdinando de' Medici (Firenze, piazza della Santissima Annunziata), opera tarda del Giambologna e terminata dal suo allievo Pietro Tacca nel 1608.

 

 

 

Home Su Goujon Jean

Copyright © Centro Arte 1999-2000