Memling Hans

 

Hans Memling
1433 - 1494

Pittore Fiammingo.

La sua arte è di impronta fiamminga, nel 1477 lavorò a Bruges dove si stabilì.


Adamo
esterno del pannello sinistro di un trittico
circa 1485 Kunsthistorisches
Museum, Vienna

Eva
esterno del pannello destro di un trittico
circa 1485 Kunsthistorisches
Museum, Vienna

 

I più antichi riferimenti ad opere di Memling sono quelli che parlano di un suo rapporto con la corte francese in Borgogna: gli inventari di Margherita d'Austria redatti nel 1524 parlano del trittico Dio misericordioso di Rogier van der Weyden su cui avrebbe lavorato anche Memling: il documento non attesta solo l'attività di Memling in questo dipinto ma anche la sua permanenza come allievo del famoso maestro fiammingo alla scuola di Bruges.

L'altare, intitolato I sette dolori di Maria, è uno dei suoi capolavori insieme a L'estremo giudizio conservato nella cattedrale di Gdańsk, in Polonia.

La storia di quest'ultimo dipinto è piuttosto particolare: i critici non sono stati unanimi nell'assegnarla a Memling fino alla scoperta di alcuni documenti che attestavano la sua vendita nella città di Bruges nel 1473 ad un mercante che era a bordo di un vascello poi catturato, nel Mar Mediterraneo, da un pirata di Gdańsk. In quest'opera si ha il più esplicito esempio dello stile giovanile di Memling, eguagliato quanto a bellezza solo dal Battista conservato nella galleria di Monaco.

L'opera di Memling, delicata nei colori e caratterizzata da forme di estrema grazia, venne presto notata anche in Italia da committenti come il Cardinale Grimari ed il Cardinale Bembo a Venezia, oltre ai Medici di Firenze.

 

 

 

La reputazione di Memling si estese ulteriormente con opere come la Madonna con i santi (che passò dalla collezione Duchatel al Louvre) e la Vergine con bambino dipinta per John Donne e ora conservata a Chatsworth. L'Adorazione dei Magi, la Passione di Gesù, Le sette gioie della Vergine,  la Vergine adorata dalla famiglia Floreyns.

 

Fu pittore essenzialmente contemplativo la cui sensibilità si manifesta in immobili ed estatiche espressioni di preghiera e di adorazione.

Tra le sue opere ricordiamo i dipinti del reliquiario di S. Orsola; il capolavoro maturo di Memling conservata nell'ospedale di Bruges, probabilmente realizzato nel 1480: pregevoli di quest'opera sono l'attenzione ai particolari, la delicatezza della figura, la varietà del paesaggio retrostante, la delicatezza nella resa del panneggio e della stoffa.

 


Annunciazione

La presentazione
nel Tempio

Trittico di  Jan Crabbe

Quest'attenzione verrà eguagliata solo dal San Cristoforo con i santi del 1484 e, in parte, dalla Crocifissione del 1491 nella Cattedrale di Lubecca.

Anche se è stato conosciuto come un maestro di pittura fiamminga, Hans Memling è nato a Seligenstadt, vicino a quello che oggi è Frankfurt am Main, Germania.  

Memling, il cui nome è talvolta digitato Memlinc, in primo luogo stabilito se stesso come un pittore a Bruxelles.



Nello stile e la composizione del suo lavoro dimostra la forte influenza di Rogier Van der Weyden, il grande pittore fiammingo.
 Per questo motivo, Memling ha pensato di aver studiato con il vecchio artista.  

Nel 1466 circa  Memling si trasferì a Bruges, dove la sua carriera prosperò.
Come molti altri maestri fiamminghi, Memling  dipinte con colori incandescenti e fine artigianato.  A differenza della maggior parte artisti, il suo stile varia poco  in tutta la sua carriera.

 


Trittico della vanità terrene
e della salvezza divina

Vergine in trono con bambino
e due angeli musicali

Vergine e il bambino
in un paesaggio

 

Le facce le ha dipinte con particolare attenzione ed energia come nella vita.
Il carattere di ciascuno è sottilmente suggerito.

In aggiunta ai ritratti Memling dipinte per i notabili di Bruges, ma ha anche ricevuto commissioni da visitatori stranieri, come Tommaso Por Tinari dei Medici di Firenze.  

Memling
morto in Bruges su agosto 11, 1494.




I registri dell'epoca attestano la presenza di due apprendisti con lo stesso cognome di Memling, ma la loro identità e la loro opera rimane sconosciuta, come le circostanze di morte del pittore, che lasciò una cospicua eredità.

 

Home Su Mario Merz

Copyright © Centro Arte 1999-2000