Pisano Bonanno
Pisa, attivo nella seconda metà del sec. XII

Scultore e architetto

Sulla scorta della tradizione vasariana gli sono stati attribuiti il progetto e l'inizio dei lavori del campanile di Pisa, fondato nel 1173, ma terminato solo nel sec. XIV.

Di recente la critica ha negato ripetutamente tale attribuzione, riconoscendolo unicamente in relazione alla sua attività scultorea.

 

Come scultore Bonanno eseguì nel 1180 le imposte bronzee della porta Reale del Duomo di Pisa, distrutte da un incendio nel 1595, e la porta bronzea, della facciata del Duomo dì Monreale (1185, probabilmente eseguita a Pisa), con Storie del Vecchio e del Nuovo Testamento.

 

Gli è inoltre attribuita la porta di San Ranieri nel transetto destro del Duomo di Pisa, opera matura in cui venti formelle a rilievo inquadrate in una classica incorniciatura liscia decorata da rosoncini illustrano la Vita di Cristo: in alto due riquadri maggiori recano Cristo in trono e la Madonna in trono tra Angeli e in basso si allineano dodici Profeti che muniti di cartigli discutono e ammoniscono sotto ondeggianti palmizi.
 

 

La disposizione degli episodi prevede una lettura dal basso verso l'alto, che si snoda orizzontalmente, da sinistra verso destra attraverso i due battenti. Ogni formella è il risultato dell'assemblaggio di parti realizzate con tecniche diverse, così che il piano di fondo, le figure e le scritte sembrano essere stati modellati separatamente e successivamente rilavorati a freddo. Le figure aggettano con notevole rilievo dal liscio piano di fondo, dove elementi architettonici e naturalistici alludono sinteticamente all'ambientazione spaziale. Poggiano coi piedi su una sorta di pedana, mentre le pesanti pieghe delle vesti assecondano la volumetria dei loro corpi che culmina in teste realizzate a tutto tondo. Le composizioni, che appaiono equilibrate e armoniose, spesso utilizzano schemi simmetrici ma a volte collocano l'evento principale al margine della scena, Bonanno rivela così la sua formazione composita, che rielabora con originalità suggestioni classiche, bizantine e oltremontane.

 

Home Su Pisano Giovanni