Signorelli Luca

Luca Signorelli
Cortona, Arezzo, metą del secolo XV - 1523

Pittore Italiano.

Allievo di Piero della Francesca, attivo fin dal 1470, dipinse con molta probabilitą tra le sue prime opere le Madonne del museo di Boston, della Christ Church Library di Oxford e della collezione Villamarina di Roma.

Di poco successivi (1474) sono l'affresco della Torre del Vescovo di Cittą di Castello, l'Annunciazione di S. Francesco d'Arezzo e la Madonna del latte e la Flagellazione di Brera, opere che gią in parte rivelano la conoscenza del Pollaiolo e di Filippo Lippi.

 


Il salvato,
affresco, Orvieto

Il dannato,
affresco, Orvieto

Resurrezione della carne
affresco, Orvieto

Il dannato
affresco dettaglio, Orvieto

 

Di grande importanza sono anche gli affreschi della sacrestia della Cura (Loreto), Conversione di Saul, e quelli della cappella Sistina (Roma), Testamento e morte di Mosč, dove forse ebbe come collaboratori il Perugino e Bartolomeo de la Gatta.

 

 

Opere successive di maggior interesse: la pala del duomo di Perugia (1484), il ritratto d'uomo e L'Educazione di Pan del museo di Berlino, la Sacra Famiglia degli Uffizi, l'Annunciazione di Volterra (1491), la Circoncisine della National Gallery di Londra; la Visitazione di Berlino, la Madonna di Monaco, la pala di San Cristoforo, gią a Siena (1498).

In quest'epoca l'artista, che nel 1497 si era dedicato agli affreschi con le Storie di san Benedetto nel chiostro di Monte Oliveto Maggiore, iniziava la sua opera pił famosa, la decorazione della cappella di S. Brizio nel duomo di Orvieto (1499-1503) con le splendide scene, dal tono realisticamente tragico, del Paradiso, dell'Inferno, del Finimondo e delle Storie dell'Anticristo. Accanto a questo ciclo pittorico, che riassume concetti drammatici di umanitą gią presenti nelle sue precedenti opere, sono da ricordare i maggiori dipinti dell'ultimo ventennio: la Deposizione di Cortona, la Crocifissione degli Uffizi, gli affreschi di San Crescentino a Morra (1507), con la robusta Flagellazione, la pala di Brera del 1508, che mostra evidenti contatti raffaelleschi, la Comunione degli Apostoli di Cortona, il Cristo sorretto dagli Angeli in San Girolamo in Cortona, la Deposizione della Croce di Umbertide e infine, del 1519-1520, la pala della pinacoteca di Arezzo. In questi ultimi dipinti č evidente in parte l'apporto dei numerosi aiuti della sua fiorente bottega. Tra questi sono particolarmente da ricordare Bartolomeo de la Gatta, Tommaso Barnabei detto il Papacello, ma soprattutto Michelangelo Buonarroti.

 

Home Su Signorini Telemaco

Copyright © Centro Arte 1999-2000