Neroccio di Bartolomeo Landi
Siena, 1447-1500
 

Allievo del Vecchietta, fu attivo quasi esclusivamente a Siena e nel contado. Della sua collaborazione con Francesco di Giorgio Martini (che si prolung˛ fino al 1475) Ŕ esempio la predella (ora a Firenze, Uffizi) della pala di Monte Oliveto.


S. Caterina da Siena
Siena, S. Caterina


Colorista raffinato, volto a interpretare in chiave arcaicistica il linearismo di Francesco di Giorgio, Neroccio sembra rievocare le sottili eleganze della pittura senese del Trecento (Madonna col Bambino e i santi Girolamo e Bernardino, 1475 ca, Siena, Pin. Naz.), mostrandosi anche talora (Trittico del 1476, Madonna col Bambino e sei santi, Siena, Pin. Naz.) sensibile alle novitÓ plastiche del rinascimento fiorentino.

Molto ampia e nota, per quanto spesso condotta in collaborazione con la bottega, la sua produzione di Madonne col Bambino (Gazzada, Coll. Cagnola; Indianapolis, Mus. of Art; Esztergom, Mus. Cristiano).

 

Tra le sue opere di scultura vanno ricordate la statua lignea di Santa Caterina (1470, Siena, casa di santa Caterina), ispirata ai modi del Vecchietta, e la tomba in marmo del vescovo Testa Piccolomini (1485, Siena, Duomo).

 

Home Su Orcagna

Copyright ę Centro Arte 1999-2000