Gruamonte
attivo a Pistoia nella seconda metà del sec. XII

Scultore italiano

Le sue opere firmate, Cavalcata e Adorazione dei Magi nell'architrave del portale maggiore di Sant'Andrea (Pistoia), realizzata nel 1166 in collaborazione col fratello Adeodato, e Ultima Cena in San Giovanni Fuorcivitas, così come il bassorilievo di Cristo con i dodici apostoli attribuitogli in San Bartolomeo in Pantano (1167), lo mostrano legato all'autore del primo pulpito della Cattedrale di Pisa, Guglielmo, e quindi vicino, ma con fare più popolaresco, ai modi della scultura provenzaleggiante, probabilmente a causa della comune ispirazione a modelli dell'arte bizantina e tardogotica.

 


Ultima Cena
Pistoia, San Giovanni Fuorcivitas

Cristo con i dodici apostoli
San Bartolomeo in Pantano, Pistoia, 1167

Cavalcata dei Magi e l'Adorazione
architrave di Sant'Andrea, Pistoia, 1666

Cavalcata dei Magi e l'Adorazione
particolare dell'architrave di Sant'Andrea
Pistoia, 1666

Sull'architrave del portale maggiore di Sant'Andrea Gruamonte rappresenta una scena che si sviluppa in maniera paratattica, riunendo la Cavalcata dei Magi all'episodio dell'Adorazione: sul lato sinistro i tre re avanzano in groppa ai loro destrieri, mentre un lembo del loro mantello, svolazzando tenta invano di alludere al loro movimento; al centro, Erode siede sul seggio davanti a un sevo inginocchiato, cui forse comanda la strage degli innocenti; alle sue spalle i Magi recano i doni a Gesù bambino, che siede in braccio alla Madonna, mentre l'anziano san Giuseppe pare ritrarsi dalla scena, avvolto in un ampio mantello e stancamente appoggiato al bastone. Una fantastica immobilità sembra avvolgere la scena, raggelando i movimenti dei protagonisti e l'espressione dei loro visi allungati.

 

Home Su Guglielmo

Copyright © Centro Arte 1999-2000