Francesco Duquesnoy
Duquesnoy Francois, detto Francesco Fiammingo (Bruxelles 1597 - Livorno 1643).
 

Scultore fiammingo, fu uno dei molti "stranieri romanizzati" che furono attivi in molte imprese monumentali in San Pietro e in altre chiese di Roma fino ai primi del Settecento.


Sant' Andrea
San Pietro, 1640

Santa Susanna
Santa Maria in Loreto, 1629-30

 

Dopo gli inizi artistici in patria accanto al padre Jerome a sua volta scultore e autore del celebre Manneken-Pis, si trasferì nel 1618 a Roma, dove collaborò all'esecuzione del baldacchino del Bernini in San Pietro e si legò di amicizia con il grande pittore Poussin, inserendosi presto, con posizione di prestigio, nell'ambiente classicista.

 

 

Attorno al 1630 si dedicò alla statuaria di grandi dimensioni, creando, il Sant'Andrea in una delle nicchie sotto la cupola di San Pietro (1640) e la Santa Susanna (in Santa Maria di Loreto) opere considerate a lungo esemplari per la scultura sacra.

Fu rinomatissimo anche per le sue raffigurazioni di putti (Rilievo con putti musicanti, 1642, Napoli, chiesa dei Santi Apostoli).

 

Home Su Fabbri Agenore

Copyright © Centro Arte 1999-2000