Nanni di Banco
ovvero Giovanni di Antonio di Banco
Firenze 1380/90-1421
 

Figlio di un operaio dell'Opera del Duomo di Firenze, fu attivo durante l'evoluzione dell'arte fiorentina dal gotico al rinascimento; va posto nel numero degli innovatori, a fianco di Brunelleschi e di Donatello con i quali collaborò, nel 1419, per l'esecuzione del modello della cupola del Duomo.

 


Isaia

San Luca
Firenze

San Filippo
copia, particolare
Firenze, Orsanmichele, 1411

Nelle sue prime opere, il Profetino per la Porta della Mandorla (1407) e l'Isaia (1408), ambedue per il Duomo di Firenze, Nanni rivela tracce di goticismo e un certo impaccio, poi rapidamente superati nelle opere successive dove predominano forme classicheggianti nell'equilibrio della composizione, negli ampi panneggi, nella scelta dei tipi che sembrano ricalcare modelli della statuaria antica. Oltre alle opere già citate, Nanni scolpì il San Luca (1408-13) per il Duomo fiorentino (ora nel Mus. dell'Opera del Duomo) e le statue per Orsanmichele: il San Filippo (1411), il Sant'Eligio (1415).

 

 

L'opera con la quale Nanni di Banco si spinse più audacemente verso l'antichità è rappresentata dalle statue in nicchia dei Quattro Santi Coronati, i santi patroni della corporazione degli scalpellini, eseguite per il loro tabernacolo all'esterno di Orsanmichele (1411-1413).

 

E' una solenne riunione di romani riccamente vestiti con ampie toghe; anche l'altro rilievo dello zoccolo, che mostra le varie attività degli scalpellini (l'erezione di un muro, la tornitura di una collana, la misurazione di un capitello e la lavorazione a scalpello di un putto), è vicino all'arte del rilievo romano.

 


Sant'Eligio
copia, particolare
Firenze, Orsanmichele, 1415

I quattro santi coronati

L'ultima opera creata da Nanni prima della prematura morte, cioè il Timpano della Porta della Mandorla (1414-21) del duomo di Firenze sembra esser nata da un vincolo profondamente sentito per questa impresa collettiva, carica di tradizione.

Nella bellezza incomparabile della figura di Maria l'arte di Nanni raggiunge l'apice: nella perfezione di forma e espressione sono preservati i più alti valori simbolici dell'arte sacra medievale, che contemporaneamente hanno subito un mutamento di significato in direzione dei tempi nuovi.

 

Nella sua più peculiare classicità quest'opera è come il dono d'addio del Rinascimento al gotico.

 

 

Home Su Di Camaino Tino

Copyright © Centro Arte 1999-2000