Bouguereau W Adolphe

 

William Adolphe
Bouguereau

 

 

Francese (La Rochelle 1825 - 1905)

Studiò a Parigi e poi per alcuni anni in Italia, dove copiò i nostri maggiori del Cinquecento. Ritornato in Francia, compose numerosi quadri e affreschi per chiese ed edifici pubblici che gli procurarono grandi onori.


Compassion, 1897

Dawn, 1881

The Shepherdess, 1889

Return of Spring, 1886

At the Edge of the Brook, 1875

The Little Knitter, 1882

All'Académie Julian di Parigi e fu autore di quadri realistici riguardanti tanti temi mitologici (come Flora e Zefiro, del 1875, custodito a Mulhouse, e la Nascita di Venere del 1879, conservato a Nantes) sia temi sacri nei quali sintetizzò echi del Rinascimento italiano, dell'arte bizantina e del movimento dei Preraffaelliti.

Nel 1887 dipinse la Mater afflictorum (conservata a  Strasburgo) e nel 1900 la Regina angelorum, appartenente a una collezione privata parigina.Di tema più cupo sono le decorazioni murali che eseguí sia nella cattedrale di La Rochelle, sua città natale, sia nelle chiese parigine di Sainte-Clotilde, Saint-Augustin e Saint-Vincent-de-Paul.

 

 

Nel 1850 Bouguereau vinse il Prix de Rome una borsa di studio per artisti che consentiva al vincitore di usufruire di un soggiorno in Italia per studiare da vicino l'arte classica.

Membro dal 1881 dell'Institut de France, diresse e animò assieme ad Alexandre Cabanel il Salon di Parigi, in cui espose molti dei suoi lavori.

Le sue opere non furono mai molto apprezzate dalla critica del tempo: l'indifferenza che le circondava era dovuta anche, probabilmente, alla repulsione che Bouguereau aveva per l'impressionismo, verso il quale si era dimostrato molto critico in occasione del Salon des Refusés.

Una riscoperta e valorizzazione dei suoi lavori si è avuta solo nella seconda metà del Novecento.

 


Cupido 1875
Bridgeman Art Library, Londra


The First Mourning-1888



La Nascita di Venere, 1879
olio su tela
Musée d'Orsay, Parigi


Dante And Virgil In Hell, 1850

The Wave, 1896

Biografia:

Studiò all'Académie Julian di Parigi e fu autore di quadri realistici riguardanti tanto temi mitologici (come Flora e Zefiro, del 1875, custodito a Mulhouse, e la Nascita di Venere del 1879, conservato a Nantes) sia temi sacri nei quali sintetizzò echi del Rinascimento italiano, dell'arte bizantina e del movimento del Preraffaellismo.

 

 

Nel 1887 dipinse la Mater afflictorum (conservata a Strasburgo) e nel 1900 la Regina angelorum, appartenente a una collezione privata parigina.

Di tema più cupo sono le decorazioni murali che eseguí sia nella cattedrale di La Rochelle, sua città natale, sia nelle chiese parigine di Sainte-Clotilde, Saint-Augustin e Saint-Vincent-de-Paul.

Nel 1850 Bouguereau vinse il Prix de Rome una borsa di studio per artisti che consentiva al vincitore di usufruire di un soggiorno sul suolo italiano.

Membro dal 1881 dell'Institut de France, diresse e animò assieme Alexander Cabanel il Salon di Parigi, in cui espose molti dei suoi lavori.

Le sue opere non furono mai molto apprezzate dalla critica del tempo: l'indifferenza che le circondava era dovuta anche, probabilmente, alla repulsione che Bouguereau aveva per l'impressionismo, verso il quale si era dimostrato molto critico in occasione del Salon des Refusés.

Una riscoperta e valorizzazione dei suoi lavori si è avuta solo nella seconda metà del Novecento.


Home Su Bramante Donato

Copyright © Centro Arte 1999-2000