Borromini Francesco

 

 

 

Francesco Borromini nacque a Bisone nel 1559 e morì a Roma nel 1667 e fu uno dei più importanti architetti italiani del ‘600 e si dedicò esclusivamente all’architettura.
Agli inizi praticò la professione di scalpellino, ed il suo primo lavoro di disegno e intaglio fu sulla basilica di San Pietro, dove nacque la rivalità tra lui e Bernini perché ricevette l’incarico di decorare il baldacchino di San Pietro, progettato da quest’ultimo. Con il progetto della chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane si vide l’attenzione che dedicò alle proporzioni geometriche che influenzarono tutti i suoi successivi lavori.
 


San Ivo della Sapienza
1642-1650 Roma

San Carlo alle quattro fontane (interno) Roma

San Carlo alle quattro fontane
1634-1667 Roma

Galleria Spada
1652-165 Roma

Nelle sue opere Borromini riuscì a creare un effetto fantastico, ed ai suoi edifici diede uno stile proprio, ma comunque rispettò anche i canoni del passato assorbendo anche l’influsso di Michelangelo  e rimanendo nell’ambito dello stile barocco.

 

 

Tra le sue opere ricordiamo: Sant’Ivo alla Sapienza, posata su una pianta a stella che si ripete nella cupola; la facciata di Sant’Agnese a piazza Navona e il suo ultimo lavoro, il collegio della Propaganda Fide che manifestava ancora la sua attenzione sulle proporzioni geometriche. Insieme a opere di altri grandissimi artisti , trasformò Roma in una città barocca.

 

Home Su Bracci Pietro

Copyright © Centro Arte 1999-2000