1900

 

1900

L'anarchico Gaetano Bresci uccide a Monza il re Umberto I (29 luglio) gli succede il figlio Vittorio Emanuele II.

Viene allestita a Parigi l'esposizione del secolo. Muore Friedrech Wilheim Nietzsche, nato nel 1844. II fisico M. Planck enuncia la teoria dei quanti. Zeppelin costruisce ìl primo dirigibile ad armatura rigida. .

Esce il "Huszadik SzAzad" ("Ventesimo secolo"), rassegna di politica e scienze sociali che avrà molta influenza anche sulla visione sociale dei giovani artisti. La Fabbrica Macchine delle Ferrovie del Regno d'Ungheria all'esposizione mondiale di Parigi del 1900 conseguì ìl Grand Prix con una locomotiva antesignana del modello 301 che, dopo numerose trasformazioni, divenne una Belle locomotive più potenti e belle dell'epoca. Un'altra locomotiva merita un'attenzione ancor maggiore, cioé ìl treno Valtellina costruito da Kandò per I'Italia. Nel campo del disegno industriale, l'Art Nouveau ungherese non aveva mai avuto rapporti stretti né con la grande industria né con il pubblico più in generale. Proprio in quest'epoca tuttavia vi fu la ricerca di un design industriale progettato nel rispetto di principi estetici e sociali.

Muore Oscar Wilde, nato nel 1854.

Arte figurativa:

Monet dopo il 1889 inizia le sue famose serie: i Pagliai, le Vedute del Tamigi, le Vedute di Venezia, ma soprattutto famose le Cattedrali di Rouen e la serie pìù tarda quella delle Ninfee.

Dal 1900 nasce a Barcellona la rivista "Joventut" che vivrà fino al 1903.

In Austria un circolo di persone che frequentavano il caffé-ristorante Hagen, da cui ìl nome, fondò nel 1900 a Hagenbund che costitui la terza organizzazione di artisti viennesi ìn ordine d'importanza dopo la Kunstlehaus e la Secessione. Appunto I'uscita dei "secessionisti" della Kunstlerhaus fu I'esempio che diede spunto, ìn un primo tempo, alla fondazione della "Associazione artistica Hagen della corporazione degli artisti figurativi di Vienna", che ancora si considerava una sottoassociazione della Kunstlerhaus. Tuttavia,  sul finire del 1900, sorsero dissensi che portarono all'uscita della Hagenbund dall'associazione originaria. Come sede per le loro esposizioni gli associati scelsero un settore del mercato coperto nella Zedlitzgasse, affidando i lavori di adattamento all'architetto J. Urban. Vì sì articolò una sempre più ricca attività espositiva che offriva al pubblico opere non solo dei soci del Bund, ma anche di artisti indipendenti e di stranieri. Con I'occupazione dell'Austria nel 1938, lo Hagenbund fu sciolto con la forza dalla Gestapo.

Maximilian Lenz dipinge il suo famoso quadro Sirk-Ecke che si trova oggi all'Historisches Museum di Vienna. Gli affreschi del Palazzo di Giustizia da lui eseguiti sono andati distrutti in un incendio del 1927. Lenz (1860-1948), é tra i membri fondatori della Secessione, con cui rimarrà fino al 1939. Collaboratore fisso di "Ver Sacrum", partecipa all'allestimento della prima mostra della Secessione del 1898 e al catalogo della XIV, dedicata a Beethoven.

Franz von Matsch viene premiato all'Esposizione mondiale di Parigi del 1900 per i quadri e la fontana nella sala da pranzo di villa Dumba a Vienna. Matsch (1861-1942) frequentò la Kunstgewerbeschule ed ebbe come compagni di studio i fratelli Ernst e Gustav Klimt, con i quali fondò il cosiddetto "sodalizio artistico", durato dagli anni '80 fino al '92. Nel 1892 ottenne, insieme a Klimt, I'incarico di dipingere I'aula magna dell'università di Vienna, ma profonde divergenze dividevano i due artisti, alla fine, Matsch eseguì da solo tutte le pitture della sala (1905). Nel 1892-94 dipinse anche le pareti della villa imperiale di Corfù. Per incarico dell'imperatore nel 1908-10 dipinse il quadro storico Omaggio dei principi tedeschi e, nel 1916, L'imperatore Francesco Giuseppe nel suo studio. Negli ultimi anni passò da una pittura fortemente allegorica a nature morte, ritratti, paesaggi del tutto realistici.

In Italia Bistolfi termina il Monumento a Segantini che era morto nel 1898

In Serbia, appoggiandosi alla tradizione folkloristica locale, di tipo serbo-bizantino, in concomitanza al movimento di liberazione nazionale, si innesta una acquisizione dell'Art Nouveau in una variante particolare che unisce il motivo "floreale" con elementi dello stile nazionale (forme di apertura delle finestre, policromia decorativa).

Tra i nomi dei protagonisti quella degli architetti Dragutin Milutinovic, Mihallo Valtrovic, Branko Tanazevic (Ministero della pubblica istruzione a Vranje e Centrale telefonica a Belgrado). A Stepanivic e N. Nestorovic (case a Belgrado, 1900-1914), M. Ruvidic, M. Antonivic, V. Azrijel (Grandi Magazzini a Belgrado,1907).

Muore il pittore ungherese Michele Mankacsy (1844-1900) che ebbe fama europea e che cercò nuove forme superanti le influenze tedesche. Egli visse a Vienna, Monaco, Dusseldorf e, per ben 25 anni, a Parigi dove dipinse quadri di genere romanticamente realista. Con Ladislao Paal (1846-1879) dipinse paesaggi sullo stile dei pittori di Barbizon.

II ceco Emil Orlik compie il viaggio in Giappone che risultò il più determinante per il suo stile. Orlik (nato a Praga nel 1870, morto nel 1932), studio all'Accademia di Monaco. Nel 1898 viaggio attraverso I'Olanda, il Bergio, I'Inghilterra, la Scozia, quindi visitò Parigi. Un secondo lungo viaggio lo portò nuovamente in Giappone nel 1917 e anche in Cina, India e Egitto. Soprattutto durante il primo viaggio in estremo Oriente Orlik imparò nei minimi dettagli la tecnica della stampa colorata giapponese, come si può notare nelle sue opere di quel periodo. Orlik godette di molta considerazione soprattutto come "innovatore della moderna incisione colorata in legno". Nel suo modo elegante di curare i colori si vedeva una sensibilità appunto giapponese. Durante una esposizione a Vienna nel 1902 I'artista ottenne grande successo. Orlik fu un personaggio popolare a Berlino; nei concerti o a teatro egli prendeva appunti, disegnando una specie di "galleria dei contemporanei". Negli anni '90 aveva creato un laboratorio di acqueforti. Con grande maestria e penetrazione  psicologica egli sapeva cogliere il carattere di una persona. Le sue acqueforti più importanti ritraggono: G. Hauptmann (1909), G. Mahler (1903), Baeh (1915), Michelangelo (1913), Schopenhauer (1922) e R. Strauss 41917). Orlik era anche un maestro in ex libris. Nel 1914 fu pubblicato un volume con sue acqueforti.

Musica:

Enrique Granados fonda a Barcellona la "Sociedad de conciertos clysicos". Granados (1867-1916), fu compositore e pianista, esordì come pianista a Barcellona nel 1883. Nel 1887 si recò a Parigi, dove studiò privatamente il pianoforte con C. W. de Beriot junior. Ritornato in patria nel 1889 iniziò una intensa attività concertistica. Intanto si mise in luce anche come compositore. Continuo I'attività concertistica suonando in duo con Saint-Satins, J. Thibaud, E. Ysaye, P. Casals. II 4-4-1914 eseguì con straordinario successo le Goyescas alla sala Pleyel di Parigi; gli fu concessa la Legion d'onore e l'Opera accettò l'opera teatrale Goyescas, ricavata in gran parte dagli omonimi pezzi per pianoforte. L'opera fu accettata anche da Metropolitan di New York. Granados si recò quindi negli Stati Uniti per la "prima" di Goyescas, che intanto non si era potuta realizzare a Parigi, a causa dello scoppio della guerra. Nel viaggio di ritorno in patria Granados e la moglie persero la vita in seguito al siluramento del piroscafo Sussex. Pianista di grande qualità diede il meglio di se nella produzione per questo strumento. Danzas espanolas (12 pezzi, in 4 fascicoli, 1893,1893,1989,1989); Oriental, Andaluza e Rondalla aragonesa del 1901 e l'Allegro de concierto (1904) lo resero celebre, ma solo con le Escenas Poeticas, in due serie del 1912 e del 1913, si manifestò pienamente l'originalità del Granados, che raggiunge la sua massima espressione nelle due parti di Goyescas, en El Pelele e nelle Tonadillas, composizioni ispirate alla Spagna tragica di Goya, e non alla Spagna folkloristica.

In Italia Puccini termina la Tosca che il 14-1-1900 viene rappresentata al Teatro Costanzi di Roma, attaccata soprattutto dai critici. Fu la prima opera verista di Puccini.

 

Home Su

Copyright © Centro Arte 1999-2000