1885

 

1885

L'Italia occupa in Africa Orientale il porto di Massaua, punto di partenza per la penetrazione in Abissinia.

La Cina riconosce il protettorato francese sul Tonchino. Viene pubblicato Così parlò Zarathustra di F. Nietzsche. Lo psichiatra e antropologo Enrico Morselli (1852-1929) pubblicò l'opera Manuale di semiotica delle malattie mentali.

Galileo Ferraris (1847-1897) realizza il primo motore elettrico a campo magnetico rotante.

Arte figurativa:

Renoir dipinge Le grandi bagnanti.

In Olanda viene fondata l'associazione di artisti "Labor et Ars" che ebbe tra gli iscritti: Dijsselhof, Nieuwebhuis, Zwollo e Mendes de Costa.

Muore a Monaco il pittore e disegnatore Carl Spitzweg. Spitzweg (1808-1885) compì viaggi in Italia e in Francia che gli permisero di conoscere la pittura satirica dei due paesi e il romanticismo francese. Si specializzò in soggetti di genere, ricchi di notazioni realistiche e sarcastiche, spesso derivate da motivi "biedermeier" (il povero poeta, 1835 ca., Monaco, Neue Pin.; Vita in soffitta, 1866, Monaco, Schackgal).

L'austriaco Emil Jakob Schindler si trasferisce nel castello di Plankenberg (Wienerwald occidentale) che divenne una piccola colonia di artisti, dove si lavora in armonia e serenità; fra gli allievi l'affezionatissimo Carl Moll. Schindler (1842-1892), ebbe come temi più cari la brughiera del Danubio, la Wachau (parte della valle del Danubio sopra Vienna, particolarmente bella dal punto di vista paesaggistico) e il Wienerwald (la foresta viennese), espose con successo alcune opere nel 1869, poi ebbe a lottare con difficoltà finanziarie finché nel 1881 vinse l'ambito e ben retribuito Reichelpreis. Nel 1888 ebbe, insieme ad altri pittori, l'incarico per il più grande lavoro di pittura paesaggistica del tempo: si trattava di decorare le sale del primo piano del Museo di storia naturale di Vienna con quadri di grandi dimensioni. Poco dopo, il 1891, ebbe luogo la prima e più grande esposizione dei suoi quadri alla Kunstlerhaus. Per la sua pittura e quello dei suoi allievi si usò la definizione "Stimmung-simpressionismus" (impressionismo di stati d'animo). Per Schindler un paesaggio, aveva un significato se poteva non solo vederlo, ma anche "sentirlo con tutti i sensi"

Edvard Munch compie il primo dei molti viaggi a Parigi (1885), ai quali alternò soggiorni in Italia, in Germania, nel Sud della Francia.

Munch (1863-1944) studio alla Scuola Reale di Disegno di Oslo e frequentò un gruppo di pittori naturalisti con ascendenze francesi, tra cui il già menzionato Christi: Krohg. Esordì con soggetti familiari di un naturalismo quasi intimista. Giunto Parigi, all'inizio fu particolarmente interessato a Manet e agli impressionisti; in seguito guardò a Van Gogh, a Gauguin, a Degas che gli permisero di acquistare mezzi pittorici atti a esprimere quel senso tragico della vita e della morte da cui è pervasa la letteratura scandinava, da Ibsen (per i cui drammi Munch disegnò manifesti e scene) a Strindberg (che Munch incontrò in un suo soggiorno berlinise). Da queste premesse Munch sviluppo, secondo un personale spiritualismo, un pittura di intenzioni simboliste e più o meno scoperte allusività erotiche; tutto questo veniva manifestato attraverso la linea e il colore trattati in un modo personalissimo. Nel 1892 fu invitato a Berlino dalla "Verein Berliner Kunstler", la sua mostra; suscitò un tale scandalo che dovette essere chiusa, ma suscitò anche tanti fermenti che portarono alla nascita della "Berliner Sezession" che avrebbe condotto all'espressionismo del gruppo Die Brucke. Intrecciati a quella che sarebbe poi stata le culture figurative espressionista, sono i grandi cicli pittorici di Munch: il Fregio della vita (1893-1918) la decorazione murale sulla terra del Sole per l'Università di Oslo (1909-1916) e i dodici affreschi per una fabbrica sempre a Olso (1922). Concepito come un "poema dell'amore, della vita e della morte" (il pannello centrale con La danza della vita è custodito a Oslo nella Nasjonalgalleriet ed è datato (1899-1900), il primo ciclo non venne mai utilizzato per affreschi, né concluso; rimase un'opera aperta e insieme costituì una somma di tutta la pittura di Munch buona parte dell'opera dell'artista fino al 1908 vi si collega per tematica e per stile presentando le stesse connotazioni: entro la linea continua, tipica dell'Art Nouveau, il colore si stende irreale, allusivo a una condizione esistenziale di sconsolata malinconia. Nel 1908 fu colpito da una grave malattia nervosa, in seguito la sua pittura divenne sempre più apertamente espressionista con l'erompere dei colori e lo sfaldarsi dei contorni (Ragazza seduta sul letto 1915-16, Stoccolma Nationalmus.: Autoritratto tra la pendola e il letto, 1940-42, Oslo, Munch-museet).

Architettura:

A Roma del 1885 al 1911 viene costruito il monumento a Vittorio Emanuele II, l'inserimento del colossale complesso comporta una massiccia distruzione di importanti testimonianze storico-artistiche. Il progetto del monumento e dell'architetto Giuseppe Sacconi (1856-1905).

In seguito all'epidemia di colera del 1884 viene varato il Piano di Risanamento e Ampliamento della città di Napoli.

Si inizia la costruzione della Galleria Umberto I su progetto di Emanuele Rocco (1852-?).

 

Home Su 1886

Copyright © Centro Arte 1999-2000